Home > Convergenza Multimediale, Internet, Viral Marketing, Youtube > Il teaser interattivo di Super 8 in Portal 2

Il teaser interattivo di Super 8 in Portal 2

Per chi non lo sapesse, da ormai un anno l’hype intorno al film firmato da J.J. Abrams e Steven Spielberg si sta facendo sempre più grande. La campagna di comunicazione è iniziata a maggio del 2010 con il rilascio ufficiale di un teaser, in contemporanea al nuovo capitolo di Iron Man. A febbraio, in occasione del XLV Super Bowl è andato in onda il primo trailer ma oggi questa campagna si fa notare per un qualcosa d’inedito: se già siamo stati abituati a prodotti audiovisivi come strumenti di comunicazione per l’industria videoludica, questa volta sta accadendo il contrario. Un video gioco, senza alcun collegamento al franchise del film, ha al suo interno un video, per di più interattivo come se fosse un piccolo livello del gioco stesso, che promuove un film ormai prossimo alla distribuzione in sala.

Il videogioco in questione è Portal 2, un puzzle game con la visuale di uno sparatutto in prima persona, il cui primo capitolo ha venduto oltre 4 milioni di copie, ma torniamo alla strategia di comunicazione virale del film di Abrams.

Dopo la diffusione del teaser a maggio, alcuni spulciarono le immagini frame by frame, trovando diverse cose. Prima di tutto che alcuni frame ritraevano un bambino, e che nei velocissimi flash sul finale del teaser vi erano nascoste una serie di lettere, che messe una dietro l’altra componevano la frase “Scariest thing I ever seen”.

Se si digitava questa frase nella barra degli indirizzi di un browser dava l’accesso al primo sito virale legato al film, e chi aveva la pazienza di esplorarlo rispondendo a varie domande otteneva un sibillino comunicato che indicava il 15 maggio come data finale di un countdown.

La data, come in ogni produzione di Abrams, ha un valore simbolico importante. Il teaser fa capire che si tratta di un film legato all’Area 51 e che coinvolge un certo Capitano Gordon Cooper.

Il 15 maggio 1958 l’Unione Sovietica lancia lo Sputnik 3.

Il 15 maggio 1960 lancia lo Sputnik 4.

Infine, il 15 maggio 1963 parte il Progetto Mercury degli Stati Uniti, a capo del quale c’è proprio il capitano Cooper (che forse è un personaggio ispirato da uno reale), primo uomo a trascorrere più di un giorno nello spazio.

In ogni caso, il 15 maggio con l’esaurirsi del conto alla rovescia il sito ha subito un cambiamento mostrando un nuovo comando: PRINT RSCOM8.

Confermandolo metteva l’utente di fronte a due pagine di giornale, la cui prima cosa evidente è la pubblicità dei Rocket Poppeteers, una sorta di ghiacciolo spaziale, del tipo in voga negli anni ’60 e ’70.

Cercando un dominio corrispondente a questo prodotto si trovavano l’immagine del bambino e dell’astronauta e la scritta che comunicava che il sito era temporaneamente inattivo.

Ma non era l’unica cosa da fare. Infatti, facendo un’analisi della prima pagina del giornale si notavano delle parole cancellate e due piccole X segnate a matita. Mentre sulla seconda pagina apparivano di nuovo le due X, ma in posizione diversa.
I curatori del forum WikiBruce e Unfiction ci lavorarono tanto da riuscire a scoprire che sovrapponendo le due pagine e facendole ruotare una sull’altra le crocette finivano per combaciare, facendo si che le linee nere del primo foglio diventassero delle sottolineature per alcune parole del secondo.

Le parole erano come mostrate nella ricostruzione dei ragazzi di Super8News:

“No certainty if alive, [it/they] may be after us, we go underground”

Inoltre, su quelle pagine c’era anche un coupon che i bambini (ma non solo) potevano spedire per entrare a far parte del programma spaziale per diventare astronauti.

Chi ha stampato il coupon e lo ha spedito veramente si è visto rispondere dalla Rocket Poppeteers con una lettera prestampata con su il nome scritto a mano, con la possibilità di entrerà a far parte del gioco contribuendo in prima persona allo sviluppo del virale del film.

Qui di seguito è riportata la traduzione della lettera.

Caro, …………………..

Benvenuto nel programma astonauti Rocket Poppeteers!

Rocket Poppeteers sta cercando i ragazzi migliori e più brillanti per aiutare il capitano “Coop” Cooper con la più grande avventura spaziale di tutti i tempi!!!

Vuoi partecipare alla lotta per proteggere la nostra galassia? Hai quello che serve per diventare un astronauta certificato Rocket Poppeteers ? Come il capitano “Coop” Cooper, gli astronauti Rocket Poppeteers sono forti e coraggiosi. Solo i più coraggiosi, corretti e leali candidati avranno successo. Sei pronto a cominciare?

Ricordate, ragazzi: I veri uomini dello spazio amano Rocket Poppeteers!!!

Dopo un po’ di tempo è stato attivato il sito web http://www.rocketpoppeteers.com/, attraverso il quale, anche adesso, è possibile iscriversi a un programma per diventare astronauta. Il gestore del sito Soloparolesparse.com (come mostrato anche dai ragazzi di screenweek) ha aderito all’iniziativa e ha ricevuto una sorpresa: un certificato ufficiale che dichiara la sua iscrizione.

Oltre a ciò hanno messo online lo store ufficiale e la prima puntata del fumetto di Rocket Poppeteers, ed in più anche il primo vero trailer è stato esaminato frame by frame portando ad un sito s8editingroom.com la cui ambientazione è quella di una sala montaggio (una editing room appunto) con alcune pellicole (ovviamente in formato Super 8) e la possibilità di visionare spezzoni di filmati.

E nei giorni seguenti, sono state recapitate scatoline di pellicola Super 8, alle sedi di alcuni siti di cinema e blog dedicati al film come Slash Film, Coming Soon e Super8News, e a ciascuno è arrivato un diverso spezzone di video di 2 secondi. Una strategia di distribuzione a tappeto degli spezzoni video che si riconduce inesorabilmente al sito della Editing Room, dove gli spezzoni vengono sbloccati poco dopo l’invio alle testate web.

Quella descritta è certamente una campagna virale senza precedenti, di cui il livello extra di Portal 2 è solo l’ultima iniziativa ed anche la più virale di tutte. Perché? Perché lo dicono i numeri: milioni di persone in tutto il mondo stanno giocando e vedendo questo livello di Portal 2, e se andiamo su YouTube possiamo vedere che ci sono diverse decine, se non centinaia o migliaia di versioni diverse di utenti che lo hanno esplorato (alcuni di essi non sanno nemmeno che è collegato a Super 8. Pensano che sia un easter  egg del gioco). Mediamente questi video hanno fatto registrare in pochissimi giorni più di 10.000 wievs e inoltre, i siti rimasti affascinati da tutto ciò davvero non si contano.

Una cosa è certa, non si sa quando, ma in un prossimo futuro sui dizionari inglesi, ma anche sui manuali di marketing, alla voce viral marketing troveremo il nome e la foto di Jeffrey Jacob Abrams.

Advertisements
  1. maggio 16, 2014 alle 3:50 pm

    I am sure this piece of writing has touched all the internet visitors, its really really nice piece of writing on building up new web site.

  2. settembre 14, 2016 alle 9:45 am

    Excellent article. Keep writing such kind of information on your
    blog. Im really impressed by your site.
    Hey there, You’ve done an excellent job. I’ll definitely digg it and for my
    part suggest to my friends. I am sure they’ll be benefited from this site.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: