Home > Rilevazioni Ascolti > Il Time Shifted Viewing alla base della nuova campagna di comunicazione Sky

Il Time Shifted Viewing alla base della nuova campagna di comunicazione Sky

Anche nel nostro paese sarà introdotta la rivelazione Time Shifted Viewing, o ascolto non-lineare in maniera del tutto conforme a quello che avviene da qualche tempo negli stati uniti. Infatti, con la diffusione a macchia d’olio del TiVo, s’impose la rilevazione degli ascolti anche nei giorni successivi alla messa in onda. Come la Nielsen Research anche l’Auditel calcolerà il numero di questi consumatori post televisivi elaborando i dati statisticamente sulla base di un panel. Questa decisione è stata salutata da Sky con entusiasmo, poiché già 1.5 milioni di famiglie, una fetta dei suoi abbonati, hanno in casa un decoder MySky che per certi versi è una sorta di TiVo. Tom Mockridge, l’amministratore delegato di Sky Italia, ha commentato la novità, non limitandosi a sottolineare il passo in avanti, ma ha sottolineato che potrebbero essere introdotte nuove modifiche al panel per adeguarsi alla situazione contingente italiana, che, di fatto, ignora i 5 milioni di immigrati residenti in Italia, esclusi da qualsiasi metodologia di rilevazione specifica:

Ogni passo avanti che rende il sistema di rilevazione di Auditel più accurato, trasparente e in linea con i migliori operatori internazionali, è accolto positivamente da Sky. Spero che questa novità, sicuramente importante per tutto il settore, sia un primo passo di Auditel per correggere alcune anomalie che impattano negativamente sull’accuratezza della rilevazione dei dati di ascolto. Penso ad esempio ad anomalie come quella di non includere nel panel un campione rappresentativo degli oltre 5 milioni di immigrati residenti stabilmente in Italia, un numero che però Auditel somma comunque al totale degli spettatori e degli ascolti, basandosi sulla incredibile assunzione che questo target faccia le stesse identiche scelte televisive dei cittadini italiani.

Aggiungere questo numero al totale dei telespettatori senza in realtà rilevare le scelte esatte di questo particolare campione rappresenta una pratica che non ha eguali in nessuno dei principali mercati europei e che andrebbe immediatamente eliminata in attesa del corretto inserimento degli immigrati nel campione. O, per citare un’altra anomalia a dir poco singolare, quella di aggiungere al totale della platea televisiva anche gli ascolti delle famiglie che non possiedono nemmeno un televisore. Di nuovo, una decisione difficile da comprendere. Il mercato e gli investitori hanno bisogno che Auditel sia precisa e accurata non meno di un orologio svizzero e sono fiducioso che ciò accadrà in un prossimo futuro

 

A distanza di pochi giorni da queste dichiarazioni, e dall’avvio della procedura di rilevamento degli ascolti non lineari, Sky ha lanciato una campagna di comunicazione che fa leva, in una maniera per certi versi aggressiva, sul consumo post televisivo del suo decoder MySky.

Una serie di spot con protagonisti di primo piano, con un claim decisamente originale e provocatorio soprattutto per la comunicazione di gruppo televisivo: “La tua vita viene prima della tv“. Tre sono gli spot girati ed hanno come testimonial Alessandro Del Piero, Giovanna Mezzogiorno, Federica Pellegrini e Alessandro Gassman i quali invitano i telespettatori a spegnere il televisore per dedicarsi ad altre attività come lo sport o la cultura. Ovviamente, questo non è un invito a disdire gli abbonamenti a Sky o a buttare i propri televisori, è un po’ come il Pay off “Liberi di..” Sky semplicemente cerca di promuovere il suo decoder MySky HD, l’apparecchio, nelle case di un terzo degli abbonati Sky, e che è diventato il decoder standard fornito in comodato d’uso gratuito. MySky, essendo anche un videoregistratore digitale, e avvalendosi anche di un servizio di registrazione di contenuti push, Sky on Demand, permette una visione differita, post televisiva, della programmazione di tutti i canali del bouquet Sky.

L’azienda del gruppo News Corp., di fatto con il nuovo claim cerca di dirci semplicemente “La tua vita viene prima del palinsesto tv. Sii post televisivo“.

Advertisements
  1. Aki
    maggio 6, 2011 alle 6:58 am

    Sulle prime faticavo a capire cosa si intendesse per ascolto differito… Ma in effetti è molto più giusto così. E il MySkyHD è davvero una figata…

  2. paoletta
    maggio 6, 2011 alle 9:10 pm

    interessante articolo. mi è capitato di vedere gli spot in tv. bel messaggio soprattutto grazie a testimonial d’eccezione come loro, carini e simpatici protagonisti del mondo dello sport e del teatro/cinema. complimenti a sky per un tipo di promozione così positiva e di impatto!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: